Archive for the ‘high-tech’ Category

Settare automaticamente un TV Samsung su ingresso HDMI via LAN o WiFi all’accensione del PC

giovedì, 3 Ottobre, 2019

Vi è mai capitato di utilizzare un TV come monitor e di voler settare automaticamente l’ingresso su ingresso HDMI all’accensione del vostro PC? Ecco di seguito come fare con un TV Samsung! La procedura per cambiare sorgente dalla modalità TV normalmente richiederebbe quei 5-6 secondi col lentissimo menù OSD che per quanto pochi risultano tediosi e sprecati, soprattutto se avete fretta 😉

La procedura che vi spiegherò impiega un simpatico tool da linea di comando che si chiama “samsungctl” che vi permetterà di interfacciarvi facilmente con qualsiasi TV Samsung, sia i nuovi dal 2016 in avanti con sistema operativo Tizen (come il mio), sia quelli precedenti (non ho provato ma dovrebbe funzionare ugualmente).

Per prima cosa dovete aver installato il linguaggio Python se non l’avete già scaricatelo da python.org lanciando l’eseguibile con le opzioni di default, mi raccomando inoltre di settare le opzioni “install for all user” e “Add Python to PATH”. Per farlo funzionare senza errori è necessario avere settato anche le variabili d’ambiente “HOME” e “XDG_CONFIG_HOME”, per farlo andate dal pannello di controllo in “sistema”->”impotazioni avanzate”->”variabili d’ambiente”->”variabili di sistema”, fatele puntare entrambe alla vostra cartella utente o a quello che preferite, ma devono essere settate.

Ora potete installare samsungctl aprendo un prompt dos e lanciando il comando:

pip install samsungctl

Se python è stato installato correttamente ve lo installerà automaticamente, per funzionare con i TV dal 2016 in avanti è anche necessario lanciare:

pip install websocket-client

inoltre bisogna fare un’altra piccola modifica: dovete scaricare una versione modificata del file remote_websocket.py disponibile a questo link (salvatela con nome) e sovrascrivete l’omonimo file presente in C:\Program Files (x86)\Python37-32\Lib\site-packages\samsungctl\ (può variare a seconda di dove avete installato python).

A questo punto create un file di nome “samsungctl.conf” al path dove avete settato la variabile d’ambiente “XDG_CONFIG_HOME” con il seguente contenuto:

{
	"name": "samsungctl",
	"description": "PC",
	"id": "",
	"host": "IP_DELLA_VOSTRA_TV",
	"port": 8002,
	"method": "websocket",
	"timeout": 0
}

avendo cura di sostituire l’ip giusto del TV. Per modelli pre-2016 potrebbe essere necessario usare “legacy” al posto di “websocket” e la porta 8001 al posto di 8002.

A questo punto siete pronti: se lanciate questo da linea di comando avverrà la “magia” e il TV passerà automaticamente alla sorgente HDMI:

samsungctl KEY_HDMI

L’ultimo passaggio è far si che ciò avvenga quando il vostro PC parte (e ancor prima del login) per farlo vi basterà eseguire gpedit.msc andare in “configurazione computer”->”impostazioni di windows”->”script (avvio/arresto)”->”avvio” e linkare un file .bat dove avrete inserito il comando sopra.

Ecco fatto… ora ogni volta che accenderete il PC e la TV questa passerà automaticamente in HDMI! La procedura è stata testata in Windows 10 Pro, ma dovrebbe funzionare anche con versioni precedenti di Windows.

Samsung Galaxy S II

mercoledì, 8 Giugno, 2011

Get Adobe Flash player

Finalmente ho aggiornato anche io il mio comparto mobile :), si tratta del mio primo smartphone e so di essere in ritardo… ma volevo aspettare che uscisse sul mercato qualcosa di decente e senza compromessi prima di fare una grossa spesa! Sto usando questo piccolo gioiellino da qualche giorno e posso dire con certezza che si tratta di un ottimo acquisto. L’avversario con cui si deve confrontare è senza dubbio l’iphone 4 (e quando uscirà, l’iphone 5), a mio parere l’SG2 vince praticamente su tutta la linea ponendosi come scelta obbligata per chi rientra in una o più delle 3 seguenti categorie: informatico, “smanettone”, che vuole sperimentare le ultime tecnologie; l’iphone invece resta probabilmente appetibile per le seguenti 3 categorie: chi vuole qualcosa di perfettamente funzionante appena uscito dalla scatola senza scaricare apps o fare modifiche, chi predilige un’oggetto di indiscutibile stile a scapito di qualche funzionalità, chi vuole fare il figo 😛 .

Di seguito una lista più dettagliata del confronto fra le carattistiche chiave dei 2 prodotti:

Sistema Operativo: Android VS iOS, secondo molti è un pareggio ma a mio parere la maggiore apertura e customizzabilità di Android vince di gran lunga…

Processore: Exymos 1.2Ghz dual core VS Apple A4 0.8Ghz, innegabile predominio di SG2

Display: 4,3″ (più grande, contrasto e luminosità eccezionale) VS 3,5″ (più risoluzione, colori più reali), vince SG2 a meno che non siate dei grafici puristi con vista a 11 decimi 🙂

Dimensioni e peso: 125.3 x 66.1 x 8.5mm e 116g VS 115.2 x 58.6 x 9.3mm e 137g, l’SG2 è più leggero, più sottile, ma più largo e lungo; a mio parere per chi lo porta in tasca lo spessore ha maggiore importanza rispetto alle altre 2 dimensioni (a meno di non avere tasche molto strette) unito al peso indubbiamente inferiore è secondo me un’altro punto a favore dell’SG2

Foto e video: 8MP e cattura video a 1080p VS 5MP e cattura video a 720p, indubbia vittoria di SG2

Connettività: siamo circa alla pari, SG2 offre una versione superiore e più performante di HSDPA, WiFi e Bluetooh, ma niente che dia vantaggi schiaccianti rispetto all’avversario

Batteria: SG2 ha una batteria superiore ma il display più grande fa si che la durata sia più o meno equivalente, forse qualcosa a favore di iPhone; in generale per entrambi con una carica si arriva tranquillamente a fine giornata anche con un uso intenso. Per un uso solo telefonico (dati, bluetooth e wi-fi disabilitati) si arriva anche a 3 giorni.

Navigazione: SG2 offre un browser fluidissimo che a differenza di iPhone supporta anche Flash, per il resto sono entrambi ottimi.

Materiali: vetro e plastica VS vetro e metallo, questa la devo dare vinta per forza all’iPhone 🙂

Caratteristiche speciali: SG2 offre l’uscita HDMI per vedere filmati in 1080p sul televisore (cavetto da comprare separatamente); in futuro sarà possibile aggiungere il collegamento NFC (per i pagamenti tramite cellulare) usando una speciale scheda microSD.

Prezzo: al momento si aggira a circa 550€ per l’SG2 e 600€ per l’iPhone 4

Spero di non aver dimenticato nulla! Magari in uno dei prossimi post vi parlerò delle customizzazioni che ho applicato al mio SG2.

Usare TV Full HD come monitor

domenica, 4 Gennaio, 2009

Strano che non sia diventata una cosa comune…molti si ostinano ad usare dei ridicoli LCD a 17″ per il proprio PC mentre di fianco hanno l’ultimo modello di TV LCD Full HD utilizzato solo per guardare la TV (magari analogica!), tutto ciò è senza senso!! Io da quasi un anno sto usando un TV LCD come monitor + mouse e tastiera wireless con ottimi risultati sia per quanto riguarda l’immersività nei videogiochi che la comodità se più persone devono vedere lo schermo del pc. Mi permetto quindi di darvi qualche consiglio:

  • I TV LCD sono molto differenti, sia fra mache diverse, sia fra vari modelli della stessa marca, bisogna quindi assolutamente armarsi di portatile e provare le risoluzioni che ci interessano ad un centro commerciale (questo non significa che poi dobbiate per forza comprarlo li 🙂 ) in alternativa si può fare riferimento a dei forum specializzati (uno ottimo è http://www.avmagazine.it/forum/) ma ve lo sconsiglio, la prova in prima persone è sempre necessaria.
  • Fra un Full-HD ed un HD-ready visto anche il calo dei prezzi io cercherei di accaparrarmi un Full-HD, però va precisato che difficilmente vorrete usare la risoluzione Full-HD (1920 x 1080) per l’uso pc, a meno non di voler stare col naso appiccicato al pannello 🙂 quindi la scelta sul Full-HD è più in un’ottica futura di visione di film in alta definizione, quindi non è assolutamente un obbligo per i nostri fini.
  • Molto importante sapere anche il tipo di collegamento fra PC e LCD che userete, le opzioni sono VGA classico oppure HDMI, vi consiglio di testarle entrambe perchè spesso le risoluzioni disponibili sono differenti, in ogni caso vi servirà anche un apposito cavo di collegamento, procurateveli entrambi prima (una nota riguardo all’HDMI controllate prima che la vostra scheda video abbia l’uscita HDMI, se non ce l’ha controllate se ha una uscita DVI che va ugualmente bene, in questo caso dovrete però acquistare un cavo DVI-HDMI). A differenza di quanto si possa pensare l’HDMI pur essendo una tecnologia più nuova non offre necessariamente di più rispetto alla VGA per i nostri scopi, l’importante è che almeno una delle due modalità ci offra una buona resa delle risoluzioni che ci interessano.
  • Dimensione: io punterei su modelli da 37 o 40 pollici, dipende dalla distanza di visione e risoluzione che intendete usare, io sto usando un Samsung M86 37″ Full-HD con risoluzione settata a 1366×768 (collegamento DVI-HDMI) a distanza di visione di circa 1,4 metri, mentre per visionare un film mi sposto al doppio della distanza e se mi voglio proprio vedere un film HD aumento la risoluzione fino alla massima 1920×1080.
  • Ribadisco nuovamente l’importanza di testare la risoluzione che ci interessa, per farlo è necessario un PC con i driver video aggiornati + questo indispensabile programmino freeware: http://www.entechtaiwan.com/util/moninfo.shtm MonInfo (o Monitor Asset Manager) che vi lista tutte risoluzioni supportate dal monitor attualmente collegato alla scheda video, utilissimo per non andare a casaccio; effettuate l’operazione sia con VGA che con DVI vedrete che vi trova risoluzioni differenti. Innanzitutto potete escludere tutte quelle che non hanno aspect ratio 16:9 (a meno di non volere bordi neri inutilizzati sui lati o immagini distorte), noterete poi che su molti pannelli alcune risoluzioni pur essendo presenti non sono utilizzabili per l’uso pc, o perchè sono sfocate, o perchè “tagliano i bordi”, ecc. Molti TV forniscono anche funzionalità di “mapping 1:1” o “just-scan” o “no-overscan” che garantiscono una resa migliore del segnale da PC, quindi assicuratevi di abilitarle per questi test.
  • Luminosità e colori: i TV non sono ovviamente preimpostati per l’uso pc, vanno quindi fatti degli aggiustamenti, primo su tutti la luminosità che va diminuita (dimezzata se starete ad una distanza di visione del doppio più vicina) oppure dopo un’ora di utilizzo vi verrà un bel mal di testa 🙂 . Anche i colori vanno aggiustati, ma non sono molto ferrato in materia, vi posso solo consigliare di utilizzare un vecchio monitor come confronto per cercare di ottenere colori simili.